PRESENTATA LA PROPOSTA DI LEGGE. ORA TUTTI IN PIAZZA!

La conferenza stampa al Senato è stata un passaggio fondamentale dell’azione di A.N.E.S. nel rapporto con le istituzioni. Dopo l’introduzione del Presidente Gian Luca Proietti Toppi, l’on. Domenico Menorello ha comunicato di aver depositato la proposta formalmente alla Camera dei Deputati, rendendo concreta l’iniziativa legislativa promossa il 21 marzo.

L’avv. Daniele Ricciardi ha illustrato nel merito la proposta che dovrebbe essere sostenuta in particolare dal Movimento 5 Stelle, i cui esponenti di Roma Capitale non hanno partecipato nonostante il formale invito ricevuto con il contatto telefonico di lunedì con l’Assessore Luca Montuori. Nel giro di poche settimane la capitale d’Italia potrebbe incamerare circa 20 milioni di euro e non si comprende perché non abbia deciso di sostenere questa proposta bipartizan, visto che le conferenze stampa alla Camera ed al Senato hanno avuto la disponibilità di parlamentari di maggioranza e di opposizione. Era inoltre presente l’Assessore del Comune di Pozzuoli Roberto Gerundo, a dimostrazione dell’interesse di tanti amministrazioni locali.

In chiusura l’arch. Maristella Babuin ha invitato tutti i cittadini ad unire le forze per poter arrivare il 2 maggio con un’ampia partecipazione in Piazza Montecitorio. Nel mentre invitiamo coloro che hanno subito danni da questa vicenda sull’affrancazione ad inviare una testimonianza con un breve filmato che sarà pubblicato sui social, sperando che i leader politici, da Salvini a Grillo, passando per Berlusconi e Renzi, decidano di essere in piazza assieme ai cittadini impegnandosi a risolvere definitivamente questa vicenda.

I contenuti della conferenza stampa sono disponibili sul sito di Radio Radicale.

7 commenti

  1. lodevole grazie io come onorevole x dc libertas exstraparlamentare,,iniziativa legislativa camera dep o non legislativa ma consultiva x senato etc in,art cc 49,,50,,etc..ho a seguito di imput di governoi,agenzia demanio messo a petizione e norma edilizia carceraria o penitenziaria ,,dove molti carceri sono es vercelli billiemme non ristrutturati da anni idem alloggi popolari atc posso esservi utile grazie,,matteolacara@libero.it

  2. Bruno Battaglia

    20 mili

  3. Bruno Battaglia

    20 milioni che il Comune di Roma non vuole riscuotere.
    Centinaia di persone che vogliono pagare.
    Cosa c’è sotto? Chi si vuole avvantaggiare di questo? Oppure nella Istituzione Comunale c’è qualcosa che non va?

  4. Credo ci dobbiamo muovere per una iniziativa seria in Tv e a l campidoglio.
    STAMANE AL URBANISTICA C ERA IL SOLITO CAOS SOLO PER AVERE INFORMAZIONI . ADESSO IL COMUNE STA CHIEDENDO ULTERIORE DOCUMENTAZIONE ALLE RICHIESTE DI AFFRANCAZIONE FATTE A MAGGIO 2016.

  5. L’edilizia agevolata doveva essere pubblica e obbligatoriamente pubblicizzata invece è stato permesso alle Imprese di fare pubblicità talmente piccole e invisibili sui quotidiani che nessuno riusciva a leggerli ! Le persone che sapevano dell’edilizia agevolata erano i dipendenti , gli amici dei costruttori i loro parenti oppure erano i dipendenti comunali e regionali che chiamavano per primi . Ma lo scandalo più importante erano le migliorie che venivano addebitate ai clienti per rendere le case più rifinite visto che la Legge prevedeva rifiniture da case popolari . Sono state costituite agenzie pilota come Studio Mellini – Progedil e Immobildream che hanno avuto incarichi dalle Imprese di prendere quanto più potevano e hanno fatto pagare ingenti importi a persone che non hanno mai visto applicati i prezzi massimi di cessione ! Hanno promesso la loro intera proprietà per 99 anni e dopo meno di quarant’anni …. ora vogliono i soldi per l’affrancazione ! E chi ha venduto a prezzo libero già dopo 5 anni ??? Come ritornare indietro dopo regole stravolte mille volte ? Ho una esperienza quarantennale in materia e so bene quanti scandali dietro all’edilizia agevolata ! Ma le cose serie in Italia si sanno dopo 40 anni !

  6. Se il mio commento dovesse essere stravolto per essere moderato preferirei non fosse reso pubblico . Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *